Beni culturali

Campo di atterraggio Monte Valinis

Il sito di lancio per i deltaplani è ubicato sull'altopiano del Monte Valinis, in Comune di Meduno (PN) ad una quota di circa 1.100 mt. s.l.m. Si accede attraverso la strada comunale di collegamento tra Meduno e Campone, agevole e interamente asfaltata, che si imbocca dal centro di Meduno, all'altezza della parrocchiale. Il sito di atterraggio si trova a Toppo (Comune di Travesio - PN).

Leggi tutto

Castello di Aviano

Il castello di Aviano si trova appena fuori dal centro della moderna città e si tratta di un importante opera storica. Dalle antichissime origini, venne costruito intorno al X secolo su di una collina che permetteva di poter controllare il territorio circostante.

Leggi tutto

Castello di Caneva

Collocato ai piedi della grande scarpata del Cansiglio dominante una vastissima area di pianura e l'alto corso del fiume Livenza, il colle del castello di Caneva è luogo affascinante che trasuda storia. Qui niente ricostruzioni e la boscaglia infestante ci restituiscono il senso compiuto del tempo e della storia vissuta che diventa leggibile.

Leggi tutto

Castello di Pinzano al Tagliamento

In origine si trattava solamente di un oratorio, risalente al 1294, dedicato a San Martino; nel 1520 l'edificio subisce un primo ampliamento, con la ricostruzione del presbiterio e la costruzione di tre cappelle laterali. Queste ultime sono state affrescate dal Pordenone nel 1526 e 1527; notevoli sono la Madonna col Bambino ed il Martirio di San Sebastiano. Sempre dello stesso periodo, ma di autore ignoto, è la Madonna cosiddetta "del cassonetto" perché inserita in un cassonetto di legno decorato.

Leggi tutto

Castello di Polcenigo

Il Castello sorge su un’altura che domina strategicamente tutta la vallata; probabilmente era già insediato sin dalla preistoria. L’antica fortezza era una costruzione molto semplice che nel 973 diventò vero e proprio castello medievale con cinta merlate, torri e camminamenti.

Leggi tutto

Castello di Spilimbergo

La storia del Castello si confonde con quella dei Signori di Spilimbergo, gli Spengenberg, famiglia di nobili di origine carinziana, fedeli all’Impero, tra le più ragguardevoli in Regione e fra quelli presenti nel Parlamento del Friuli, “ministeriales” del Patriarcato di Aquileia. Il Castello sostenne numerosi assedi nel corso delle guerre medievali tra i signori veneti e friulani, resistendo a numerosi assalti. Non è possibile ricostruire come il Castello apparisse all’epoca, poiché venne distrutto, demolito, ricostruito e ampliato più volte.

Leggi tutto

Chiesa di Frisanco in miniatura

A Frisanco, presso  l'ex latteria, in Piazza Pognici visitando il Museo “Da li mans di Carlin - Frisanco in miniatura”, è possibili ammirare la Chiesa di Frisanco minuziosamente riprodotta in miniatura scala 1/10 da un anziano artista della Val Colvera, Carlo Beltrame (Carlin) classe 1912. All'interno sono presenti inoltre varie costruzioni in miniatura rappresentanti  le attività tradizionali  svolte in Val Colvera con annesse le strutture  quali la fabbricazione della calce, la preparazione di tavole, la carbonaia, il mulino, lo stavolo, il battiferro, la latteria, la stalla, l’uccellanda e tante altre, tutto con arredi ed oggetti funzionanti realizzati in scala 1:10.

Leggi tutto

Oratorio di San Floriano

Il Piccolo oratorio di San Floriano, a Montereale Valcellina, è un piccolo edificio ad una navata eretto nel XVII secolo che anticamente s'incontrava rientrando dai lavori campestri e che serviva, probabilmente, quale rifugio ai viandanti ed ai mendicanti che arrivavano in paese a chiedere ospitalità.

Leggi tutto

Villa Cigolotti

Villa Cigolotti è un complesso edilizio composto da un corpo dominicale settecentesco, con il contiguo edificio longitudinale, “la barchessa”, da un ulteriore edificio rurale staccato e costruito lungo la via Armentaressa, “annesso”, e da un parco che avvolge gli edifici. Di particolare pregio alcune stanze: al piano terra, la sala con camino di marmo rosso Asiago impreziosita da affreschi decorati con polveri d’oro, anticamente nota come la “stanza dei conti” ed il salone centrale decorato con stucchi a motivi floreali e mistilinei. Al primo piano, la camera della contessa caratterizzata dall’alcova con corridoio segreto.


Le pavimentazioni, d’altrettanto pregio, rappresentano decorazioni e disegni con girali floreali o disegni geometrici che incorniciano temi mitologici e allegorici. I lavori per la costruzione di Villa Cigolotti cominciarono nel 1740, quando la nobile famiglia dei Conti Cigolotti, occupata nell’approvvigionamento del legname per conto della Repubblica di Venezia, necessitò di una dimora stabile nel Friuli Occidentale. Inizialmente infatti la Villa veniva usata solo come casa di villeggiatura. La famiglia Cigolotti vi abitò sino alla metà del ‘800 quando vendette la Villa. Da quel momento diventò proprietà di diverse famiglie locali, sino a quando nel 1996, fu acquistata da un privato che ne avviò il processo di restauro, sotto la supervisione della sezione regionale del Ministero dei Beni Culturali.  Oggi Villa Cigolotti, interamente restaurata e ritornata al suo antico splendore, è adibita a struttura ricettiva per i servizi di ospitalità.

Leggi tutto

Villa Frova

Stupendo edificio storico con richiamo stilistico alle Ville Venete, sul finire dell’800 è stato per qualche decennio la dimora della omonima famiglia di industriali, di origine lombarda, che a Stevenà erano impegnati nel settore della sericoltura. Nell’edificio adiacente ancora oggi sono visibili i vecchi essicatoi dove si lavorava una consistente quantità di bozzoli di bachi da seta.

Leggi tutto

Villa Menegozzi Brazzoduro ora Carraro

Il palazzo ha ritrovato il suo splendore grazie a un accurato restauro che ha rispettato e valorizzato le caratteristiche originarie e ripristinato alcuni dettagli architettonici che erano andati perduti. Si possono ammirare pavimenti di grande pregio, in granulato originale veneziano o in legno, travature a vista, decori e scritte murali, bagni rivestiti in marmo, arredamento in stile che conferiscono un’aura di signorilità, raffinatezza e originale eleganza.

Leggi tutto

Villa Savorgnan

La Villa Savorgnan fu costruita nella II metà del 1500, fu  residenza estiva dei Savorgnan e sede giurisdizionale del feudo. L’elegante villa con i suoi molteplici corpi di fabbrica ospita una raccolta archeologica che comprende principalmente i resti di una piccola necropoli in uso fino ai primi decenni del II sec.

Leggi tutto