Villa Cigolotti

Villa Cigolotti è un complesso edilizio composto da un corpo dominicale settecentesco, con il contiguo edificio longitudinale, “la barchessa”, da un ulteriore edificio rurale staccato e costruito lungo la via Armentaressa, “annesso”, e da un parco che avvolge gli edifici. Di particolare pregio alcune stanze: al piano terra, la sala con camino di marmo rosso Asiago impreziosita da affreschi decorati con polveri d’oro, anticamente nota come la “stanza dei conti” ed il salone centrale decorato con stucchi a motivi floreali e mistilinei. Al primo piano, la camera della contessa caratterizzata dall’alcova con corridoio segreto.
Le pavimentazioni, d’altrettanto pregio, rappresentano decorazioni e disegni con girali floreali o disegni geometrici che incorniciano temi mitologici e allegorici. I lavori per la costruzione di Villa Cigolotti cominciarono nel 1740, quando la nobile famiglia dei Conti Cigolotti, occupata nell’approvvigionamento del legname per conto della Repubblica di Venezia, necessitò di una dimora stabile nel Friuli Occidentale. Inizialmente infatti la Villa veniva usata solo come casa di villeggiatura. La famiglia Cigolotti vi abitò sino alla metà del ‘800 quando vendette la Villa. Da quel momento diventò proprietà di diverse famiglie locali, sino a quando nel 1996, fu acquistata da un privato che ne avviò il processo di restauro, sotto la supervisione della sezione regionale del Ministero dei Beni Culturali.  Oggi Villa Cigolotti, interamente restaurata e ritornata al suo antico splendore, è adibita a struttura ricettiva per i servizi di ospitalità.
https://www.facebook.com/sharer/sharer.php?u=/it/resource/poi/villa-cigolotti/&src=sdkpreparse